Remigia, la locomotiva per il riciclo degli oggetti tecnologici

Al via il Salone dedicato al Giocattolo, G!Come Giocare, con un programma di educazione ambientale e una raccolta straordinaria di giocattoli elettronici fuori uso per sensibilizzare le nuove generazioni sul tema rifiuti. Per i più piccoli ecco Remigia, la locomotiva per il riciclo.

Pubblicata il: 13/11/2010 09:00

Redazione GreenCity

In occasione della 3° edizione di G!Come Giocare, il Salone Internazionale del Gioco, in programma dal 19 al 21 novembre a Milano presso il polo fieristico di Fieramilanocity, ReMedia, uno dei principali Sistemi Collettivi Italiani attivi nella gestione eco-sostenibile dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), porta sotto i riflettori Remigia.
La fantastica locomotiva del riciclo, nata per dare voce al mondo dei rifiuti elettronici è, infatti, protagonista assoluta al Salone del Gioco dedicato interamente ai bambini, agli adolescenti e alle loro famiglie.
remigia-la-locomotiva-per-il-riciclo-degli-oggetti-1.jpg
Interattiva, colorata, rumorosa e divertente, con Remigia i ragazzi possono scoprire il viaggio compiuto da un oggetto tecnologico (in particolare la piccola elettronica di consumo come cellulari, macchine fotografiche, videogiochi, walkman, pc) attraverso le fasi della raccolta differenziata, del riciclo e del recupero dei materiali, raccontato con semplicità e immediatezza in un avvincente laboratorio gratuito.
Per coinvolgere e sensibilizzare anche i più piccini, oggi grandi utilizzatori e appassionati di tecnologia, ReMedia organizza per tutta la durata della manifestazione una raccolta straordinaria di giocattoli elettronici.
Si tratta di un'iniziativa di carattere ludico-educativo
che consente a tutti i ragazzi, di lasciare presso lo stand di Remigia (Padiglione 3 stand C17) i loro vecchi giocattoli elettronici (radiocomandati, macchinine e moto elettriche, robot, walkie talkie, etc.) ma anche console di videogiochi, lettori MP3, lettori DVD fuori uso, ricevendo in regalo un simpatico gadget a testimonianza del loro impegno per l'ambiente.  
La piccola elettronica di consumo quando giunge a fine vita diventa infatti un  RAEE, ovvero un Rifiuto di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.
I RAEE possono contenere materiali quali metalli pesanti, ritardanti di fiamma bromurati, sostanze alogenate e sostanze lesive per l'ozono.
remigia-la-locomotiva-per-il-riciclo-degli-oggetti-2.jpg
Molti di essi rappresentano un potenziale pericolo per l'ambiente se non vengono trattati o smaltiti in modo adeguato. Per questo i RAEE non possono essere gettati nei normali cassonetti della spazzatura, ma vanno raccolti in modo differenziato e inviati a centri di trattamento specializzati che, oltre al recupero di parti metalliche, plastiche e vetrose, rimuovono tutte le componenti e le sostanze nocive per la salute e per l'ambiente.
I rifiuti tecnologici sono una realtà in aumento nel mondo e nel nostro Paese e si registra in particolare un tasso di crescita del 5% a livello globale, pari al triplo di quello dei rifiuti normali. Bambini e ragazzi sono attori di primissimo piano nell'acquisto e nell'uso di questi prodotti.
Per questo motivo ReMedia insieme a G! come Giocare ha deciso di rivolgersi anche alle giovani generazioni con l'obiettivo di far capire come bastino piccoli gesti quotidiani per contribuire alla raccolta differenziata dei rifiuti tecnologici.
remigia-la-locomotiva-per-il-riciclo-degli-oggetti-3.jpg

Cosa ne pensi di questa notizia?