Logo ImpresaGreen.it

La roadmap di Enel per la decarbonizzazione convalidata da SBTi

I nuovi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra per il 2030 e il 2040 sono in linea con la limitazione del riscaldamento globale al di sotto di 1,5 °C, il più ambizioso obiettivo relativo alla temperatura dell'Accordo di Parigi.

Redazione ImpresaGreen

L'impegno di Enel nel contrastare il cambiamento climatico ha raggiunto un nuovo traguardo storico: la validazione della sua roadmap per la decarbonizzazione da parte della Science Based Target Initiative (SBTi), che l'ha decretata in linea con la limitazione del riscaldamento globale al di sotto di 1,5 ºC, dunque allineata con il più ambizioso obiettivo dell'Accordo di Parigi relativo alla temperatura e adottato dalle Nazioni Unite nel 2015.

"Stiamo decarbonizzando la nostra intera catena del valore, definendo obiettivi ambiziosi e misurabili che coinvolgono non solo le nostre operazioni dirette, ma anche i nostri fornitori e clienti. Combattere il cambiamento climatico è una priorità fondamentale per tutto il nostro business e rappresenta una grande sfida, ma anche un'enorme opportunità", ha dichiarato Francesco Starace, CEO e Direttore generale di Enel. "La nostra strategia si focalizza sull'accelerazione delle rinnovabili, la digitalizzazione delle nostre reti, la diffusione dell'elettrificazione pulita e l’integrazione di servizi innovativi, che si configurano come fattori determinanti per promuovere un modello a zero emissioni che contribuisca ad incrementare la competitività, sostenibilità e indipendenza energetiche dei paesi che lo adottano."

I nuovi obiettivi certificati di Enel fanno seguito all'ambizione stabilita dall'azienda oltre un anno fa, quando ha anticipato di dieci anni, dal 2050 al 2040, il proprio impegno ad azzerare le emissioni. Inoltre, gli obiettivi riguardano tutte le emissioni del Gruppo lungo l'intera catena del valore, includendo non solo le emissioni dirette generate dai suoi impianti, ma anche le emissioni indirette prodotte a monte e a valle dai suoi fornitori e clienti.

Nello specifico, l'SBTi ha validato i seguenti impegni per il 2030 e il 2040:

· Riduzione del 100% delle emissioni di gas a effetto serra (GHG) dirette (Scope 1) derivanti dalla generazione di energia per kWh entro il 2040, prendendo il 2017 come anno iniziale di riferimento (365 gCO2e/kWh), con un obiettivo a medio termine dell'80% entro il 2030 (72 gCO2e/kWh);

· Riduzione del 100% delle emissioni GHG dirette (Scope 1) derivanti dalla generazione di energia e delle emissioni GHG indirette (Scope 3) derivanti da attività legate a combustibili ed energia relativamente a tutta l'elettricità venduta per kWh entro il 2040, prendendo il 2017 come anno iniziale di riferimento (332 gCO2e/kWh), con un obiettivo a medio termine del 78% entro il 2030 (73 gCO2e/kWh);

· Riduzione del 100% delle emissioni GHG indirette assolute (Scope 3) derivanti dall'utilizzo dei prodotti venduti entro il 2040, prendendo il 2017 come anno iniziale di riferimento (25,3 MtCO2e), con un obiettivo a medio termine del 55% entro il 2030 (11,4 MtCO2e);

· Riduzione del 90% delle emissioni assolute di Scope 1 e 2 non derivanti dalla generazione di energia e delle emissioni GHG di Scope 3 relativamente a beni e servizi acquistati, beni strumentali e tutte le attività relative a combustibili ed energia entro il 2040, prendendo il 2017 come anno iniziale di riferimento, con un obiettivo a medio termine del 55% entro il 2030.



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaGreen.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 02/01/2023

Tag: