Prysmian Group: cavo dinamico per connettere parco eolico offshore in UK

Prysmian Group si è vista assegnare una nuova commessa da Cobra Wind International per realizzare il sistema in cavo che collegherà il parco eolico offshore galleggiante di Kincardine all’entroterra britannico.

Pubblicata il: 24/01/2018 15:19

Redazione ImpresaGreen.it

Prysmian Group si è aggiudicata una nuova commessa assegnata da Cobra Wind International Ltd per realizzare il sistema in cavo che collegherà il parco eolico offshore galleggiante di Kincardine all’entroterra britannico.
Per il Gruppo si tratta del primo progetto per il cablaggio di un parco eolico offshore galleggiante.
La commessa prevede la progettazione e la fornitura di due cavi sottomarini per la trasmissione di energia, dei cavi inter-array e dei relativi accessori per collegare le turbine del parco eolico offshore galleggiante di Kincardine, situato a circa 15 km a sudest di Aberdeen (Scozia) alla rete elettrica di terraferma. L’installazione è prevista durante il 2018 e 2019.
Prysmian sarà responsabile della fornitura di ciascun sistema in cavo, in un’unica lunghezza di circa 17 km composta da un tratto di cavo statico combinato con circa 0,5 km di cavo dinamico per completare il collegamento con la torre della turbina galleggiante.
Il cavo sottomarino tripolare da 33 kV sarà interamente isolato con la tecnologia EPR e rifinito con un’armatura metallica singola lungo la sezione in cavo statico e con un design a doppia armatura metallica sulla parte in cavo dinamico.
Recentemente il Gruppo ha anche annunciato che lo stabilimento produttivo di Wrexham (Regno Unito) è disponibile a realizzare anime per cavi sottomarini da 33 kV e 66 kV impiegati per i collegamenti in cavo inter-array dei parchi eolici offshore, confermando piani di investimento volti a sostenere un’ulteriore crescita nel settore, favorire e creare posti di lavoro sul territorio e fornire cavi prodotti nel Regno Unito ai parchi eolici offshore di prossima generazione, nel Regno Unito e in Europa.

Cosa ne pensi di questa notizia?