La città di Duisburg e Huawei firmano un accordo per la creazione di una Smart City

Huawei ha annunciato anche un piano per l’apertura di un Joint Innovation Center per lo sviluppo di Smart City.

Pubblicata il: 18/01/2018 10:23

Redazione ImpresaGreen.it

La città di Duisburg, in Germania, ha siglato un Memorandum of Understanding (MoU) con Huawei per collaborare allo sviluppo di una smart city.
L’accordo è stato firmato da Sören Link, sindaco di Duisburg, e Wang Yonggang, CFO di Huawei Enterprise Business Group. Grazie a questo progetto Duisburg diventerà una città modello in Europa in tema di innovazione e digitalizzazione. L’intesa  getta le basi per ulteriori analisi e confronti volti a realizzare progetti specifici dedicati all’innovazione.
Huawei ha inoltre annunciato l'intenzione di voler realizzare un Joint Innovation Center a Duisburg che permetterà alla città di beneficiare direttamente delle tecnologie sviluppate dal centro. Le fasi preliminari della pianificazione prevedono l'espansione della rete WLAN della città per includere lo zoo cittadino e il trasporto pubblico.
Nell'ambito dell'istruzione, l'attenzione si concentrerà sulle scuole intelligenti, con connessioni Wi-Fi e banda larga per tutti gli istituti presenti in città.Altri progetti al centro dell’accordo spaziano dalla creazione di lampioni stradali intelligenti, alle reti di approvvigionamento e gestione del traffico, a soluzioni di eGovernment basate sul cloud per semplificare l'accesso dei cittadini ai portali dell’amministrazione pubblica.
Inoltre Huawei metterà a disposizione le proprie soluzioni e l’esperienza maturata nel campo del 5G e nelle reti wireless a banda larga necessarie alla realizzazione di progetti in diversi ambiti quali la guida autonoma, la logistica intelligente e l'Industria 4.0.
L’obiettivo finale della collaborazione è quella di sviluppare idee e soluzioni innovative in grado di sfruttare le nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita e rendere la città più attraente per imprese, investitori e cittadini. Tutto ciò diventerà possibile anche grazie a un ecosistema che coinvolge partner locali e internazionali, società municipalizzate e si avvale delle sinergie tra istituti di ricerca locali e università. 

Cosa ne pensi di questa notizia?