Torino: prende il via il progetto Energy Center

Ricerca, multidisciplinarietà, innovazione per gestire la transizione energetica: avviato il progetto della cittadella dell’energia gestita dal Politecnico di Torino, che ospiterà aziende e centri di ricerca.

Pubblicata il: 25/10/2017 17:17

Redazione ImpresaGreen.it

Sostenere la ricerca in ambito energetico, condividere soluzioni innovative, attrarre finanziamenti europei, nazionali e privati, affrontare il tema dell’energia sotto i suoi molteplici aspetti, compresi quelli della sostenibilità e della riduzione del consumo, stimolare l’innovazione: sono questi gli ambiziosi obiettivi dell’Energy Center Initiative del Politecnico di Torino, che prende avvio ufficialmente oggi con lo scopo di avviare azioni e progetti che forniranno supporto e consiglio strategico ad autorità locali, enti nazionali e transnazionali sulle politiche e le tecnologie energetiche. 
L’Iniziativa ha una duplice valenza: da una parte, l’Energy Center House (EC-HOUSE), che ospiterà aziende, startup e pubbliche amministrazioni attive in campo energetico; dall’altra, l’Energy Center Lab (EC-LAB), il Centro Interdipartimentale del Politecnico dedicato allo sviluppo di modelli e scenari per la transizione energetica e la progettazione di tecnologie e sistemi energetici sempre più interconnessi. 
L’Energy Center Initiative è ospitata nel nuovo edificio di 5 mila metri quadri di proprietà del Comune di Torino, concesso con diritto di superficie per 89 anni al Politecnico e realizzato grazie al contributo da 15 milioni di euro di Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, che ha stanziato 4 milioni di euro e Fondazione Crt, che ha stanziato 1 milione di euro. 
Il confronto sul futuro dell’energia ha indubbie valenze strategiche e si articola su diverse scale decisionali – europea, nazionale, locale – oltre a coinvolgere diversi ambiti di conoscenza, competenze e settori della società. Indicativa in questo senso la composizione dell’Advisory Board dell’Energy Center, al quale partecipano esponenti dei principali player del settore energia e delle istituzioni: Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, Città di Torino, Compagnia di San Paolo, JRC, Politecnico di Torino, Regione Piemonte, EDF, Edison, ENEA, Enel, Eni, FCA e IREN, oltre ad esperti internazionali che afferiscono ad aziende e centri di ricerca quali ECLAC–United Nations, IPCC e CMCC, MITEI, State Grid Corporation of China e Terna. 
Sono già insediate nell’Energy Center House sei aziende e istituzioni: EDISON, Energy Security Lab (un laboratorio congiunto tra Politecnico e Presidenza del Consiglio dei Ministri), Eni con un Laboratorio insieme al Politecnico, Eurix s.r.l., FEV ITAIA s.r.l. e I3P – Incubatore di imprese Innovative del Politecnico di Torino. 
Pubbliche Amministrazioni, Enti di Ricerca e Imprese possono così trovare un ambiente per operare su tematiche anche diverse ma spinte a un’interazione collaborativa dall’azione del centro stesso e dal comune interesse di innovazione sociale, tecnologica e gestionale nei temi energetici.
La scelta di collocare il Centro in uno spazio adiacente alla Cittadella Politecnica, di cui ormai è diventato parte integrante, non è quindi casuale, ma risponde all’esigenza di farlo nascere in un contesto già fertile e dedicato alla ricerca e all’innovazione come il Campus dell’Ateneo, dove dipartimenti universitari, incubatori di imprese e punti di aggregazione convivono in una miscela tra pubblico e privato già collaudata. 
L’Energy Center sarà dunque una casa comune per soggetti pubblici e privati, dove la vicinanza anche fisica favorirà il co-working e la cooperazione, incoraggiando la costruzione nuovi progetti a partire da competenze diverse che agiscono con obiettivi comuni.

Cosa ne pensi di questa notizia?