Apple: DataCenter alimentati al 100% con energia rinnovabile

Le esperienze dei data center di Maiden (North Carolina), Prineville (Oregon) e Newark (California) aiuteranno a far sì che anche il centro dati attualmente in costruzione a Reno (Nevada) rispetti gli standard Apple in materia di ecoresponsabilità.

Pubblicata il: 02/07/2013 15:25

Redazione ImpresaGreen

Apple ha annunciato di aver dato inizio alla costruzione di una centrale solare a Reno, in Nevada.
Per soddisfare l’intero fabbisogno energetico del centro di Reno verrà sfruttata l’esposizione naturale del Nevada ai raggi solari e le risorse geotermiche locali.
"Tutti i datacenter Apple usano il 100% di energia rinnovabile e raggiungeremo questo obiettivo anche nel nostro nuovo data center a Reno che utilizza pannelli solari ad alta concentrazione ed efficienza. Questo progetto non solo fornirà energia rinnovabile per il nostro data center, ma fornirà anche energia pulita alla rete elettrica locale, attraverso una partnership, prima nel suo genere, con NV Energy. Una volta completata, la distesa di pannelli solari, che si estende su una superficie di 137 acri (oltre 55 ettari) genererà circa 43,5 milioni di chilowattora di energia pulita, equivalente ad eliminare dal traffico stradale 6.400 autovetture in un anno" ha commentato in una nota l'azienda di Cupertino.
I centri dati sono solo una parte dell’impegno di Apple a favore delle energie rinnovabili. L'azienda sta facendo investimenti per raggiungere il livello “net zero” in tutta l’azienda, per arrivare cioè a utilizzare esclusivamente energie rinnovabili e ridurre a zero le emissioni in tutte le strutture Apple nel mondo.
Un primo importante passo verso una migliore gestione dell’elettricità è assicurarsi che le proprie strutture ne utilizzino il meno possibile, per questo vengono progettate in modo che siano il più possibile efficienti. Dove è fattibile, Apple produce la propria energia pulita costruendo in loco celle a combustibile, impianti fotovoltaici e altri sistemi per generare energia.

Cosa ne pensi di questa notizia?