Stazionari i consumi di energia elettrica in Italia ad agosto

A livello territoriale, la variazione della domanda si è articolata in maniera differenziata sul territorio nazionale: +0,3% al Nord, +1% al Centro, -0,1% al Sud.

Pubblicata il: 07/09/2012 16:35

Redazione GreenCity

La domanda di energia elettrica in Italia nel mese di agosto 2012, paria 26,7 miliardi di kWh, ha fatto registrare una sostanziale parità rispetto allo scorso anno (+0,3%). Ciò è dovuto al fatto che la prima decade del mese è stata caratterizzata da temperature decisamente più alte rispetto allo scorso anno, con conseguente incremento dei consumi di energia elettrica in Italia, mentre nella seconda metà del mese si rileva una decisa riduzione dei consumi, rispetto allo scorso anno, senza variazioni significative di temperatura. Quest'ultima nel mese di agosto è stata mediamente superiore di quasi un grado e mezzo rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente.
Depurata dagli effetti climatici, la variazione della domanda elettrica di agosto 2012 diventa -1,2%.
La variazione non ha invece risentito dell'effetto calendario in quanto i giorni lavorativi di agosto 2012 sono stati gli stessi (22) dell'anno precedente. I 26,7 miliardi di kWh richiesti nel mese di agosto 2012 sono distribuiti per il 41,6% al Nord, per il29,9% al Centro e per il 28,4% al Sud.
Nel mese di agosto 2012 la domanda di energia elettrica è stata soddisfatta per un 92,8% con produzione nazionale e per la quota restante (7,2%) dal saldo dell'energia scambiata con l'estero. In dettaglio, la produzione nazionale netta (25 miliardi di kWh) è aumentata del 3,6% rispetto aagosto 2011. Sono in crescita le fonti di produzione termica (+1,1%), eolica (+28,5%) e fotovoltaica (+49,2%). Stabile la fonte geotermica e in flessione quella idrica (-5,1%).

Cosa ne pensi di questa notizia?