WWF e Libera insieme per valorizzare i territori confiscati alle mafie

WWF e Libera organizzano un corso di formazione per volontari al fine di valorizzare dal punto di vista naturalistico, turistico e artistico i territori confiscati alle mafie.

Pubblicata il: 28/12/2010 18:00

Redazione GreenCity

Valorizzare dal punto di vista naturalistico, turistico e artistico i territori confiscati alle mafie grazie al lavoro di un gruppo di volontari che metteranno a disposizione il proprio tempo la prossima estate: è questo lo scopo del corso di formazione per volontari organizzato da WWF e da Libera dal prossimo gennaio.
Con questi interventi, il sistema dei terreni confiscati alle mafie in Sicilia, Calabria, Puglia e oggi gestiti dalle Cooperative di Libera, acquisirà una più forte caratterizzazione e potrà essere promosso in ambito locale e nazionale anche come un insieme di luoghi di grande interesse per la conservazione del paesaggio e della biodiversità e, allo stesso tempo, di forte stimolo per la creatività e la ricerca artistica.
Il corso si articolerà in 5 incontri di una giornata ciascuno e si terrà un sabato al mese, da gennaio a maggio 2011. Ogni giornata avrà inizio alle 10:00 e terminerà alle 17:00 presso l'Oasi WWF Stagni di Focognano, nel Comune di Campi Bisenzio (Firenze).
Quest'area protetta rappresenta un caso unico nel panorama nazionale perché frutto di un progetto di costruzione di nuovi habitat di forte interesse paesaggistico e naturalistico a partire da una situazione territoriale iniziale poverissima, dovuta alla presenza di campi coltivati con metodi estensivi, vecchi viottoli punteggiati da discariche, una strada asfaltata abbandonata, baracche e appostamenti fissi da caccia in muratura e cemento armato costruiti abusivamente.
Tutte le attività di formazione, così come le successive fasi di realizzazione degli interventi durante la prossima estate, si svolgeranno sotto la direzione di Carlo Scoccianti, biologo, responsabile del progetto e direttore dell'oasi WWF.
La proposta è rivolta sia a chi opera già nel settore naturalistico o artistico sia a studenti, volontari, appassionati e cultori di queste materie che desiderano dare un proprio contributo contro l'illegalità. L'iniziativa vuole anche fare di questi interventi una grande occasione di conoscenza e allo stesso tempo di dialogo e scambio di esperienze fra persone che si interessano della tutela del territorio e di rispetto della legalità.
La partecipazione al corso è gratuita ma è necessaria l'iscrizione a Libera.
Si può partecipare singolarmente o a gruppi e le attività saranno organizzate in modo da poter prendere parte ai lavori pratici su campo insieme al gruppo di esperti e volontari che da anni gestiscono l'Oasi di Focognano.
Per maggior informazioni sull'iniziativa, cliccare qui.
A questo indirizzo, invece, è possibile trovare la scheda adesione.

Cosa ne pensi di questa notizia?