Un «Living lab» sulle città intelligenti a San Gemini

Regione Umbria, la Provincia di Terni, il Comune di San Gemini e Telecom Italia hanno siglato un accordo per dare il via alla gestione intelligente del territorio e lo sviluppo di servizi digitali innovativi, basati sulla piattaforma integrata "Smart Town" di Telecom Italia.

Pubblicata il: 29/11/2010 10:00

Redazione Green City

La Regione Umbria, la Provincia di Terni, il Comune di San Gemini e Telecom Italia hanno siglato oggi un Protocollo di Intesa riguardante l'avvio di una collaborazione per lo sviluppo di iniziative finalizzate alla realizzazione di un "Living Lab" per le "città intelligenti".
un-living-lab-sulle-citta-intelligenti-a-san-gemin-1.jpgIl Comune di San Gemini sarà così la prima realtà della regione a sperimentare questo modello che, grazie all'infrastruttura tecnologica "Smart Town" di Telecom Italia, è in grado di offrire servizi eco-sostenibili e a basso impatto ambientale.
L'intesa prevede lo studio delle attività necessarie per la creazione di un "laboratorio vivente", che coinvolgerà il territorio e i cittadini, finalizzato alla realizzazione dell'infrastruttura che sancirà la nascita della "San Gemini Smart & Green" che ha come principale obiettivo l'efficienza energetica. Si tratta di un progetto che si basa sull'integrazione degli impianti di illuminazione con le reti di telecomunicazioni per consentirne un utilizzo migliore sia in termini di riduzione dei consumi e di CO2 sia in termini di erogazionee gestione del servizio stesso.
L'adozione di questo modello tecnologico, che si avvale della collaborazione della società Aspasiel, consentirà inoltre al Comune un impiego più razionale delle risorse economiche che potranno essere reinvestite in altri servizi quali sicurezza, comunicazione e mobilità, dimostrando una rinnovata attenzione dell'Amministrazione ai bisogni dei propri cittadini.
L'iniziativa si inserisce nel quadro delle raccomandazioni della Commissione Europea sulla promozione e adozione di soluzioni innovative, attraverso l'uso dell'ICT, finalizzate alla realizzazione delle cosiddette "Smart City", privilegiando un modello di "innovazione guidata dall'utente" per testare e sviluppare nuovi servizi e per aumentare il tasso di competitività dei territori urbani.
un-living-lab-sulle-citta-intelligenti-a-san-gemin-2.jpgL'obiettivo dei "Living Labs" è quello di portare gli utilizzatori finali dei servizi (cittadini, turisti e imprese) all'interno del processo creativo fin dai primi passi in modo da intercettare comportamenti nuovi o emergenti e tendenze, creando un ponte tra il gap di innovazione e lo sviluppo tecnologico e tra i diversi attori della catena del valore (l'istituzione pubblica, le imprese, i cittadini).
Nell'ambito dell'Intesa viene costituito un "Comitato Guida" che avrà come obiettivo elaborare il piano strategico per il "Living Lab".

Cosa ne pensi di questa notizia?