Rittal sponsor del Master in Gestione Ambientale Strategica dell'Università di Padova

Rittal sponsorizzerà il Master in Gestione Ambientale Strategica organizzato dall'Università di Padova per l'anno accademico 2010-2011. Allo studente migliore andrà una borsa di studio e uno stage.

Pubblicata il: 18/11/2010 15:30

Redazione GreenCity

Rittal sponsorizza il Master in Gestione Ambientale Strategica dell'Università di Padova per quest'anno.
Con questa iniziativa, Rittal, intende ribadire l'impegno a perseguire la strada della ricerca e dello sviluppo attraverso studi diretti e collaborazioni con il mondo industriale ed accademico, al fine di perfezionare soluzioni sempre più performanti che assicurino elevata efficienza e basso consumo energetico.
L'azienda ha già potuto realizzare importanti innovazioni, ad esempio proponendo l'utilizzo di soluzioni di free cooling in grado di sfruttare la temperatura dell'ambiente esterno per il raffreddamento dei Data Center o trattamenti alle nano particelle per il mantenimento delle capacità frigorifere dei condizionatori e la più agevole pulizia delle superfici.
Coerentemente con questo impegno verso l'efficienza e il contenimento dei consumi, il master scelto da Rittal è destinato a formare figure professionali polivalenti che sappiano coniugare le metodologie e le tecniche di misurazione delle problematiche ambientali con quelle di tipo gestionale.
Il corso trasmetterà quindi agli studenti le competenze utili ad elaborare strategie di sviluppo finalizzate al raggiungimento di vantaggi e benefici aziendali attraverso pratiche tali da garantire una gestione sostenibile del territorio.
La sponsorizzazione Rittal fa parte di una ormai consolidata collaborazione con l'Università di Padova e prevede non solo la condivisione di esperienze e competenze aziendali tramite interventi in aula , ma anche la possibilità per lo studente che avrà prodotto i migliori risultati di ottenere una borsa di studio a rimborso del costo del master e l'accesso ad uno stage di 475 ore presso Rittal.

Cosa ne pensi di questa notizia?