Conti (Enel): misure del Governo sul nucleare sono "pietra miliare"

Fulvio Conti, direttore generale e ad di Enel, ha accolto con favore le nuove misure del governo sul nucleare.

Pubblicata il: 23/12/2009 15:00

Redazione GreenCity

Le misure approvate dal Consiglio dei Ministri sono "una pietra miliare nel percorso per il ritorno dell'Italia al nucleare e per avviare un rinascimento industriale e tecnico del sistema produttivo e scientifico del nostro Paese". Ne è convinto Fulvio Conti, direttore generale e amministratore delegato di Enel, intervenuto sull'argomento tramite un comunicato ufficiale.
Negli scorsi giorni, infatti, il Governo ha portato avanti la scelta di garantire al Paese almeno il 25% di energia prodotta dall'atomo in linea con i principali paesi europei.
Secondo Conti "il piano nucleare è fondamentale per dare un contributo decisivo alla riduzione dell'anidride carbonica, alleggerendo i costi dell'energia per i consumatori e rendendo l'Italia più resistente alle oscillazioni dei prezzi dei combustibili".
Fondamentale il contributo di Enel, che "in questi anni ha riacquisito l'esperienza e le tecnologie per sviluppare questi progetti e vuole coprire insieme ad Edf almeno la metà del piano anche col contributo di terzi, operatori e grandi consumatori".
Conti ha aggiunto che "il piano nucleare, il forte impulso allo sviluppo delle fonti rinnovabili e ai sistemi di incremento dell'efficienza possono costituire i tre perni della strategia per collocare l'Italia all'avanguardia tra i paesi occidentali in campo energetico". Secondo l'ad, "il Paese ha ora bisogno di ricostruire una cultura nucleare e di spiegare con una grande campagna di comunicazione, che oggi il nucleare  è sicuro, è una alternativa reale alle fonti fossili ed è in difesa dell'ambiente. Imprese, forze sociali e mondo scientifico non devono lasciarsi sfuggire questa grande opportunità".

Cosa ne pensi di questa notizia?