ReMedia ha gestito più di 22 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici nel 2008

Il consorzio multi-settore per la gestione eco-sostenibile dei Rifiuti tecnologici punta a raddoppiare tale risultato nel 2009.

Pubblicata il: 28/01/2009 10:30

Redazione GreenCity

Il 2008 è stato l'anno di avvio delle attività di gestione  dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) - secondo il decreto 151/2005 - un settore cruciale per la protezione ambientale e una tipologia di rifiuti che cresce del 5% all'anno.
ReMedia, il principale consorzio multi-settore in Italia, nato nel 2005 come emanazione delle imprese con l'obiettivo di assicurare la gestione eco-sostenibile della apparecchiature elettriche ed elettroniche a fine vita nel primo anno di attività sul campo ha raggiunto i seguenti risultati: 13.000 missioni di ritiro effettuate, per il riciclo di 21.376 tonnellate di RAEE derivanti dai nuclei domestici equivalenti a oltre un terzo dei rifiuti elettronici gestiti in Italia dai sistemi collettivi e corrispondenti a circa 3,5 milioni di apparecchiature elettroniche a fine vita (per es. elettrodomestici, televisori, cellulari, computer, macchine fotografiche, climatizzatori, ...); 35 milioni i cittadini serviti mediante una struttura capillare, operativa presso l'85% dei centri di raccolta iscritti al Centro di Coordinamento RAEE, ossia in oltre 2.580 piazzole ecologiche in tutta Italia.  I risultati sono, inoltre, avvalorati dall'avvio delle attività di riciclo dei RAEE Professionali, (derivanti dalle aziende o enti pubblici), settore in cui ReMedia ha gestito nel 2008 circa 1.000 tonnellate di rifiuti elettronici.
Le oltre 1.000 aziende che oggi costituiscono ReMedia rappresentano un giro d'affari di oltre 16 miliardi (il 40% del fatturato complessivo dei principali settori coinvolti). Tra i soci di ReMedia vi sono aziende come: Apple, Artsana, Darty, Daikin, Elsag Datamat, Expert, Hitachi, Iper, JVC, Motorola, Mitsubishi, Panasonic, Philips, Pioneer, Samsung, Sharp, Sky, Siemens, Telecom Italia, Vodafone.
"I produttori impegnati in ReMedia sono orgogliosi dei traguardi raggiunti dal consorzio nel primo anno di operatività ed intendono assicurare un forte impegno per l'ambiente anche per il futuro - sottolinea Roberto Lisot, Presidente ReMedia. - In particolare ReMedia prevede per il 2009 di gestire 44.000 tonnellate di rifiuti elettronici, il doppio rispetto al risultato del 2008".
"E' importante sottolineare che l'efficienza conseguita da ReMedia produrrà un beneficio diretto anche per i consumatori, ha dichiarato Danilo Bonato, Direttore Generale ReMedia, che dal 1 febbraio troveranno nei punti vendita eco-contributi RAEE applicati dai Soci del consorzio più bassi in media del 20% e questo nonostante le ben note difficoltà derivanti dal crollo dei prezzi delle materie prime".

Cosa ne pensi di questa notizia?